EDITORIALE / Inter, non hai Saints in Paradiso