EDITORIALE - Ecco perché sono tanto amareggiato, ma nemmeno così sorpreso