EDITORIALE - La vanitas di Mancini