EDITORIALE - Il regno dell'incertezza (e della rassegnazione?)