EDITORIALE - Inter, autocritica della ragion pura