Inter, quando la rabbia diventa rossa