L'attacco punto dolente: dietro Icardi, il vuoto. Per il futuro serve una svolta