GdS - Mancini e Sarri, due modi diametralmente opposti di vivere il calcio