Il paradosso nerazzurro: si vince quando si gioca male e si perde quando si gioca bene