EDITORIALE / Tiri Mancini al Mago Walter: Roberto, il sogno e il grande incubo