Rinascita Inter, il 4-2-3-1 come modus operandi