È durato poco, ma ha confermato la sua crescita: ecco Geoffrey Kondogbia