EDITORIALE - Quando l'aspetto conta più della sostanza