Palacio, quando la riconoscenza fa più male che bene