EDITORIALE - Meglio brutti e vincenti, forse sì