Mancini e il 4-2-4: rischioso ma forse calcolato