Editoriale - L'Inter non esce a testa alta