La difesa è (ancora) un muro: l'arma in più dell'Inter di Mancini