Editoriale - Una partita per tornare grandi, anche solo per una notte