Brozovic, l'intuizione tardiva di Mancini