A scanso di facili entusiasmi: la rosa è davvero competitiva?