Inter, è il mercato dei no