Inter, i motivi della mancata scossa manciniana