Inter, le "retrocesse" sono il tuo incubo