Mancini e l'Inter, la "pareggite" è un vizio