E adesso chi lo spiega alla Uefa?