Mazzarri fra dogmi e interpreti