Da oggetto misterioso a jolly difensivo: Rolando continua a scalare le gerarchie di Mazzarri