Eusebio Di Francesco non vuole ripetere gli stessi erorri di Verona