Livaja e Nagatomo non bastano. San Siro resta un tabù