In questi ultimi giorni, il mercato interista ha subito una svolta decisiva. Come richiesto da Andrea Stramaccioni, la squadra verrà completata entro il 26 agosto, data di inizio del campionato.

Per accontentarlo, gli operatori di mercato nerazzurri si sono dati un gran da fare. Infatti, mentre Branca si occupava dell’affare Cassano, sottotraccia Ausilio ha chiuso con il Napoli il prestito oneroso di Walter Gargano, il quale arriva a Milano per 1,25 milioni di euro con riscatto fissato a 5,25 milioni. Adesso, tutti concentrati su Alvaro Pereira che, salvo sorprese, dovrebbe essere l’ultima pedina per rafforzare lo scacchiere di Stramaccioni.

L’Inter ha alzato la propria offerta da 12 a 13 milioni di euro e, in questi giorni, è attesa la chiusura dell’operazione. La conferma arriva direttamente dall’agente dell’esterno uruguaiano, Flavio Perchman che, a Radio Renascença, spiega: “C’è una trattativa in corso, ma se ne sta occupando il Porto. Appena loro troveranno un accordo con il club con il quale stanno parlando, poi entreremo in gioco noi. Con chi stanno trattando? Una squadra italiana, ma non posso dire quale…”.

L’Inter si sta avvicinando sempre di più al Palito: il rilancio a circa 13 milioni tra parte fissa e bonus c’è stato, ci si è avvicinati alle richieste iniziali del Porto che adesso può cedere. Branca e Ausilio ci stanno lavorando seriamente, l’intermediario Gimenez orchestra l’operazione e il terzo colpo è all’orizzonte.

Intanto, Maicon sembra destinato a lasciare l’Inter. Nonostante negli ultimi giorni si fosse sparso un po’ di ottimismo in merito ad una sua permanenza a Milano, l’esterno brasiliano piace a molte big d’Europa, soprattutto Real Madrid e Manchester City. La richiesta resta 8 milioni, non uno di meno, anche se Mancini e Mourinho puntano a portarsi a casa il terzino più forte al mondo per qualcosa di meno.