Un dopo-Mourinho all'insegna della confusione