Perché (stavolta) Moratti ha agito bene