La Juve di Conte: difesa solida, attacco sterile